Ho amato te

Ho amato te
nonostante le ferite aperte
ho amato te
senza riserve

Ho amato te
a braccia aperte
senza scarpe
senza coperte
la strada a piedi
senza soldi
solo per quell’anima
che si affacciava dagli occhi

Ho amato te
come nessun altro
e l’ho capito
mentre lo facevo
come ubriaca di troppa luce
perché mentre succede
non ci stai troppo a pensare
hai ben altro da fare

Ho amato te
in ogni singolo momento
da prima che arrivassi
e l’ho capito appena ti ho visto
che l’avrei capito ancora meglio

Ho amato te
in mare aperto
perché mi vedevo
come in uno specchio

Ho amato te
e non era un passo deciso
ne cercato
ne voluto
solo perché
sei arrivato
senza preavviso
senza aver suonato

Ho amato te
come un temporale fresco
all’improvviso
succede che il cuore
fa contatto con il cervello
e combacia tutto
poi si stacca
e ti cade nella pancia
e lo vedi battere nello stomaco
e non lo sai più fermare

Ho amato te
come non credevo si potesse
e il verbo al passato è solo un caso

Ho amato te
senza bisogno di altro
senza se
senza ma
nessun però
nessuna fine annunciata
solo acqua chiara
solo neve bianca
solo gocce di rugiada

Ho amato te
senza cornici sfarzose
senza fiocchi e merletti
solo amore
bisogno di niente

Ho amato te
questo conta
e ancora sorrido.

Karen Lojelo
binario 8 edito mjm editore 2010

Filed under: Binario 8, poesiaTagged with: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,