Into the wild”…cinema e riflessioni

into_the_wild1

L’anno scorso ho visto il film “Into the wild”, regia di Sean Penn, è tratto da un libro naturalmente, ed è una storia vera, lo consiglio vivamente a tutti, è una poesia, un trionfo di citazioni, un viaggio reale all’interno di paesaggi meravigliosi e nel contempo un viaggio interiore alla scoperta di sé stessi, che ognuno dovrebbe fare, una volta nella vita almeno.

Una colonna sonora magistrale, fatta apposta per il film, con i testi delle canzoni tradotte, che scorrono sotto le immagini del film, rispecchiando a pieno le sensazioni e scoperte interiori del protagonista.

Mi ha fatto molto riflettere, associandolo al fatto che successivamente al film, ho goduto di un breve viaggio in treno, la meditazione è quindi stata completa, guardare un paesaggio che scorre attraverso il finestrino di un treno in corsa, magari con la musica nelle orecchie, credo sia la metafora perfetta del veder scorrere attraverso quel finestrino anche i propri sogni, ricordi, dolori e speranze di tutta una vita.

Mi sono fermata a pensare che credo di aver capito alcune cose, non ho scoperto nulla di nuovo forse che non sia già stato detto da altri, ma mi sono detta che queste riflessioni le ho davvero riconosciute come reali:

1) Non è mai troppo tardi per ricominciare.

2) Ci viene sempre data una seconda possibilità.

3) A volte le cose più belle si nascondono semplicemente dietro un raggio di sole che cambia il nostro punto di vista.

4) Volere è potere.

5) A volte ci si rende conto che che quello che credevamo perduto in realtà non lo è affatto, bisogna solo afferrarlo da un altro lato.

6) Che il dolore ci fortifica e ci rende delle persone migliori.

7) Che la mancanza d’amore ci fa apprezzare di più il suo arrivo improvviso.

8) Che l’amore in senso universale, è ovunque e siamo soltanto noi che a volte non riusciamo a scorgerlo.

Ma soprattutto citando una frase del film che “la felicità non è reale se non è condivisa”….

Ci serve il dolore nella vita, ci servono gli errori, ci serve la solitudine per ritrovare noi stessi, ma alla fine del cammino, quando il quadro prende finalmente forma se non abbiamo qualcuno con cui condividere tutto quello che abbiamo appreso…nulla è valso…

Karen Lojelo

Be Sociable, Share!