Passerai


(Addio – Lionello Balestrieri 1900)

Passerai
come la pioggia d’aprile passerai
passerai
come il mal di pancia
passerai
come le stagioni
passerai
come i giorni più lunghi
quelli che sembra non finiscano mai
ma passerai
quanto può essere triste anche una canzone allegra
ma passerai
come l’autobus che non passa mai
ma se aspetti prima o poi arriva
e così tu passerai
come tutto passa

passerai
come il treno che ho perso
e quello che invece ho preso
passerai
come passano le ore
passerai
come passa la moda
passerai
come la storia
passerai
come il caldo torrido d’agosto
passerai
come passa un vizio
passerai
come si cambiano le abitudini
passerai
e io sarà già passata

passerai
e ti ritroverò alla fermata
passerai e mi sorriderai per strada

tornerai
lo sa solo Dio
tornerai forse
come torna l’inverno
tornerai
come torna la moda
tornerai
come torna la pioggia
tornerai come torna aprile
tornerai
come tornano le stagioni
tornerai
come tornano le canzoni
ti riprenderò forse
come si riprendono le abitudini
e tornerai magari
come torna il sole
farai male
come il mal di pancia
tornerai
come torna tutto
quando torna

tornerai
mentre non ti aspetto
tornerai
come un treno in ritardo
e chissà se io
avrò conservato quel biglietto.

Karen Lojelo

estratta da Binario 8 Edito mjm editore 2010

Filed under: Binario 8, poesiaTagged with: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
  • Bellissima.

    • Anonimo

      grazie Emina

      • Prego. Mi è davvero piaciuta molto. Non ho mai provato a scrivere una poesia in italiano, leggendoti, mi è venuta la voglia.