Seduto in disparte

Ho un dolore silenzioso. Non ha più parole e non si azzarda a dirmi niente. Se ne sta lì in disparte, seduto in un angolo e zitto, Mi guarda, sì mi guarda quasi sempre mentre lo ignoro, poi appena mi giro abbassa lo sguardo per un momento.

Ha occhi rassegnati e respiri profondi, mi segue ma rimane in disparte, non vuole più speranze, danza sulle note di qualche canzone triste e poi resta sveglio anche quando finge che dorme. Veglia sulla mia stanza, mi tiene la mano da lontano e non sopporta risposte, chiude le orecchie, ha smesso da tempo di fare domande, eppure rimane, lui è costante.

Non si arrende e non combatte, però resiste. Ci guardiamo io e lui che ci siamo detti già tutto e siamo stanchi di cercare sinonimi. Ci conosciamo bene e ci basta uno sguardo per capire che né il tempo né il vento ci potranno allontanare per più di qualcosa che non somigli ad un momento.

Ascolta da sempre, ricorda ogni singolo istante e non sa smettere, non sa andarsene, non sa nemmeno più piangere. Ha smesso di aspettare e ha dimenticato di bussare.

Karen Lojelo

//www.youtube.com/watch?v=fdf6IEFtoqA
Negramaro- Singhiozzo

Filed under: BlogTagged with: , , , , ,