Ancora banale

Ma allora è vero
che non servono parole
che diventiamo tutti scemi
stupidi
ridicoli
che tutte le teorie crollano
che il cielo sembra più azzurro
che le stelle sembrano brillare di più
che sorridiamo alla gente
che vogliamo bene perfino ai nemici
che si trovano parole
per descrivere poeticamente anche una bici
che nessuno ci crede
poi tutti prima o dopo ci cascano
che non vogliamo i per sempre
e poi e la prima cosa che pensiamo
che non arriva mai
ma quando arriva spacca
impazza
travolge
frana
butta giù tutto
è implacabile
rende cretini
sorriso ebete
nomignoli cretini
ma allora è vero
che è un luogo comune
ma non sembra comune per niente
e ti sembra sempre sia tu l’unico a provarlo
allora è vero
quello che dicono dell’amore
cavolo
quando meno te lo aspetti
tutti deficienti davanti a un tramonto
ecco qua
ci sei cascato dentro
pure te
che non credevi a niente
tutti in fila
davanti a un telefono
fermate dei tram
kilometri a piedi
viaggi senza fine
a inventare draghi
con gli occhi a cuore

Però non ci credi ancora vero?
No…
Allora perché ridi davanti a un gelato
che ti ha sempre fatto schifo
come fosse il suo sorriso?

Karen Lojelo (estratta da Binario 8 -2010 mjm editore)

Enhanced by Zemanta
Filed under: Binario 8, poesiaTagged with: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,